Crea sito

Salute & Benessere. Psicobiotica: quel filo rosso tra mente e intestino

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

Da alcuni decenni è noto il ruolo fondamentale che il microbioma intestinale, cioè l’insieme dei microrganismi (essenzialmente batteri e lieviti) che vive nell’intestino, può avere una notevole influenza sulla salute fisica, ma solo di recente si è scoperto che questa influenza riguarda anche il cervello

Sperimentazioni effettuate su topi hanno dimostrato che, inserendo nell’intestino il giusto ceppo batterico, è possibile migliorare la funzione immunitaria, la reazione allo stress e anche le funzioni cognitive, per esempio la memoria.

Studi negli esseri umani hanno dato risultati simili per quanto riguarda la salute fisica, in particolare sul livello di infiammazione metabolica o di specifici apparati, che è un fattore determinante nel provocare, ad esempio, la sindrome del colon irritabile.

Gli effetti cognitivi sull’uomo non sono invece stati replicati, forse perché dipendono dalla percezione soggettiva che ne hanno gli individui e sono quindi difficilmente interpretabili.

Ma se i batteri intestinali possono realmente “comunicare” con il cervello, perché non cercare di controllare questo rapporto per ottenere un effetto positivo sulla mente, per esempio diminuendo ansia e depressione?

È questa la prospettiva di una nuova branca della scienza medica che è stata battezzata psicobiotica, il cui stato dell’arte è descritto in un articolo pubblicato sul “Trends in Neurosciences”   da Philip Burnet, professore di psichiatria dell’Università di Oxford. “Questi studi ci fanno ritenere che i batteri intestinali hanno un ruolo importante nei processi biologici, che speriamo di poter sfruttare con la psicobiotica”, ha spiegato Burnet. “Ora siamo alla ricerca dei precisi meccanismi sottostanti il collegamento tra batteri e cervello, principalmente nel modello animale; gli studi sugli esseri umani sono interessanti, ma sono stati effettuati su campioni piccoli, e perciò la loro replicabilità ancora oggi è difficile da stimare: sul futuro però siamo cautamente ottimisti”.

Una notevole spinta, però, verso questo ottimismo è stata data da un recente studio che dimostrerebbe come un fermento lattico fisiologico, il Lactobacillus rhamnosus HN001, contrasti i sintomi della depressione e dell’ansia dopo il parto.

Si tratta di uno studio randomizzato e in doppio cieco della University of Auckland, pubblicato sulla rivista scientifica EBioMedicine, che ha coinvolto 423 donne. Le gestanti sono state prese in carico a partire dalla 14-16° settimana di gravidanza e sono state suddivise in due gruppi: il primo (composto da 212 soggetti) ha assunto il Lactobacillus rhamnosus HN001 sino a sei mesi dopo il parto mentre il secondo (il gruppo di controllo costituito dalle restanti) un placebo.

Al termine dei due anni di durata dello studio, è risultata una minore incidenza dei disturbi dell’umore tra chi assunto il probiotico. Le donne con sintomi di ansia sono state quasi la metà rispetto al gruppo di controllo (30 a fronte di 55) e per quanto riguarda la depressione si è registrata una flessione del 25%: hanno mostrato sintomi di depressione post partum 44 donne che hanno assunto il placebo a fronte delle 32 che hanno assunto il fermento lattico fisiologico.

Il meccanismo biologico che spiega questo effetto benefico è da ricondurre all’azione positiva che questo probiotico esercita sulla produzione di serotonina, neurotrasmettitore prodotto dai neuroni e dalle cellule dell’apparato gastrointestinale, che regola il tono dell’umore e una serie di funzioni biologiche quali il sonno, l’appetito e la sessualità, ma influenza anche creatività, apprendimento, memoria ed empatia.

 

Salute & Benessere è una rubrica medica a cura del dott. Accursio Miraglia.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pubblicato da Accursio Miraglia

Accursio Miraglia, nato a Sciacca il 27-12-68 Nel 1994 Laurea con Lode in Medicina e Chirurgia, Università Cattolica del Sacro Cuore (Roma – Policlinico Gemelli) Nel 1998 Specializzazione con Lode in Medicina Fisica e Riabilitativa (Fisiatria), Università di Tor Vergata (Roma) Dal 1998 al 2006 partecipa a numerosi corsi di aggiornamento organizzati dall’Accademi Italiana di Medicina Manuale Dal 1998 al 1999 Assistente medico, responsabile area riabilitativa Casa di cura "Villa Fulvia", Roma Dal 1999 ad oggi Direttore Sanitario del Centro di Educazione Psicomotoria s.r.l, centro di fisioterapia accreditato presso il SSN Dal 2009 è consulente tecnico d'ufficio presso il Tribunale di Sciacca e gli uffici del Giudice di pace di Sciacca, Menfi e Ribera. Dall’anno accademico 2014-2015, professore a contratto presso la Scuola di Specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitativa dell’Università di Roma “Tor Vergata”. Dal 2015 ricopre il ruolo di docente presso il “Corso-Teorico pratico di Medicina Manuale” organizzato dalla SIMFER (Società Italiana di medicina Fisica e Riabilitativa) con la collaborazione Società Italiana di Medicina Vertebrale (MEDVERT) e le Università “la Sapienza” e Tor Vergata” di Roma.