Salva le figlie che stavano annegando: 47enne muore poco dopo colto da malore

Quarantasettenne muore dopo aver salvato le figlie colto da malore: il mare era particolarmente agitato a causa del vento forte

È accaduto poco dopo le 14 di ieri, sabato 18 giugno, in località Forcatella a Fasano, in provincia di Brindisi. La vittima è un 47enne di Bitonto in provincia di Bari. Secondo quanto ricostruito, l’uomo, sua moglie e le loro figlie gemelle di 11 anni si erano recati in spiaggia per trascorrere il week end.

La famiglia ha raggiunto la spiaggia di Forcatella, tra Torre Canne e Savelletri, dove l’acqua cristallina è arginata dagli scogli e si stavano rilassando in una caletta che si insinua tra stabilimenti balneari lussuosi. Improvvisamente il tempo è cambiato ed è arrivato il vento maestrale che ha fatto diventare il mare molto agitato. Ed stato in quel momento che le due figlie che stavano facendo il bagno, sono andate in difficoltà e non riuscivano più a tornare a riva a causa delle onde.

Il papà, accortosi di cosa stava accadendo, non ci ha pensato due volte e si è tuffato in mare, lottando con tutte le sue forze contro la potenza dell’acqua, ma riuscendo ad afferrare le due figlie e mettendole nelle condizioni di raggiungere il bagnasciuga. Il 47enne però a causa della furia delle onde è andato in difficoltà.

Alcuni bagnanti presenti che assistevano alla scena, si sono tuffati per aiutarlo, ma quando hanno raggiunto l’uomo era ormai troppo tardi, il 47enne era deceduto per lo sforzo. Portato a riva è stato soccorso dai sanitari del 118 che hanno provato invano di rianimarlo, ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare.

Il decesso probabilmente è stato causato da un infarto per lo sforzo, poi è annegato o forse aveva ingerito troppa acqua nuotando. Saranno le indagini a chiarire la dinamica dell’accaduto. Sul posto sono intervenuti gli uomini della Capitaneria di Porto e i Carabinieri.

Lascia un commento