Scalinata sotto piazza Scandaliato nel degrado. Casciaro: “Gli assessori si attivino”


Il Vice Presidente del Consiglio, Antonio Casciaro, si appella all’amministrazione per il ripristino della scalinata sotto la centralissima Piazza Angelo Scandaliato.

scalinata-scandaliato

Antonio Casciaro, in qualità di Vice Presidente del Consiglio, sentiti molti cittadini e costatato di persona lo stato di degrado in cui versa la scalinata sotto la centralissima Piazza Angelo Scandaliato, invita oggi gli assessori competenti (Bivona, Monte  e Cognata) ad effettuare un celere intervento di pulizia straordinaria e provvedere al più presto ad istallare dei punti luce per rendere tale scorcio del centro storico più sicuro e fruibile.

Il vice presidente del consiglio fa inoltre presente che in alcuni tratti è indispensabile intervenire con la potatura di alcuni alberi che rendono difficoltoso il passaggio pedonale.

“Invito altresì l’Assessore ai lavori pubblici  – conclude Casciaro – a predisporre un intervento di manutenzione straordinaria, viste le condizioni di precarietà della scala e arredarla con vasi e fiori per renderla più bella agli occhi dei tanti turisti che ne usufruiscono”.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.