Sciacca. Altro che sardine, arrivano le “anciove” che vogliono il Natale: Imbarazzo per Sino Caracappa

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

Un gruppo di giovani in queste ore si sta organizzando sui social per dare vita ad un flash mob in piazza Scandaliato domenica prossima per chiedere e portare un po’ di aria natalizia che a Sciacca arrivati all’11 di dicembre manca tristemente

Sciacca si dimostra avanguardia culturale. Altro che sardine, noi abbiamo le “anciove”.

Beh, ovviamente non si chiamano così, ma dato il periodo politico permeato dalle “sardine”, nell’ittica Sciacca un movimento di giovani “anciove” ci sta pure bene. Ci riferiamo ovviamente al gruppo di giovani che con coraggio e voglia di fare hanno organizzato un flash mob di protesta contro il grigiore di questo Natale a Sciacca. Una bella occasione civica per risvegliare una popolazione troppo spesso assopita dalla convinzione che “tanto non ci si può far nulla”.

I ragazzi si sono così dati appuntamento in Piazza scandaliato la prossima domenica 15 dicembre per le ore 20:30 con lo slogan chiaro e semplice: “Anche noi vogliamo il natale” con la promessa di portare con sé una pallina natalizia da appendere agli alberi spogli della piazza.

Una manifestazione bella, apolitica e che arriva dai giovani.

Una manifestazione che è però anche un enorme imbarazzo per l’artefice del “tristo natale”, l’assessore Sino Caracappa. O che almeno, speriamo lo imbarazzi, altrimenti sapremo su quale volto è possibile accendere i cerini.

Per l’uomo di Bilbao infatti non deve essere facile collezionare un insuccesso dopo l’altro, dall’estate saccense fino al natale, potendosi appellare solo alla scusa del “no tengo dinero” manco fosse il terzo dei Righeira. A proposito, ma non si era detto che ieri martedì 10 dicembre doveva presentare il “cartellino” – chiamarlo cartellone pare eccessivo oltremodo – degli eventi ? Cosa è successo? Lo ha presentato e non ci ha avvisato? Era un cartellino così breve che non ce ne siamo accorti? Qualcuno ci spieghi!

E intanto la città resta vuota, triste e con la speranza che prima o poi qualcuno la risollevi dal degrado e dalla depressione in cui è precipitata.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Politica, Prima Pagina, Sciacca , , , ,

Informazioni su Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.

Precedente Sciacca. 52enne saccense arrestato: sorpreso a rubare rame nell’isola ecologica della Perriera Successivo Ribera. Cisl Fp su stabilizzazione precari: "I consiglieri comunali si assumano le proprie responsabilità”