Sciacca. “Ora Basta!” di Messina a Palermo per riapertura Terme, Ass.re Armao: “Errore chiuderle”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

Lo avevano annunciato e lo hanno fatto, l’ass. “Ora Basta!” di Ignazio Messina stamattina è stata a Palermo per protestare contro la chiusura delle Terme, in seguito sono stati ricevuti dall’ass.re Armao: lunedì nuovo incontro

L’Associazione #Ora Basta! di Sciacca guidata dall’ex sindaco Ignazio Messina, come annunciato, è stata oggi a Palermo per una manifestazione a favore delle Terme.

I componenti dell’associazione si sono incatenati simbolicamente mostrando uno striscione con il quale si chiedeva la riapertura delle Terme. A seguito della manifestazione, l’associazione ha incontrato l’Ass.re Regionale Gaetano Armao.

Un incontro durato ben oltre un’ora e durante il quale l’associazione di Messina ha discusso con l’assessore dei bandi per le Terme, delle tempistiche e del bisogno di includere anche le Stufe di San Calogero nel rilancio delle Terme di Sciacca.

Importanti le notizie apprese nel corso dell’incontro: oltre alla visita di domani da parte di Armao a Sciacca con il quale si consegnerà il parco delle Terme al Comune, lunedì si terrà una riunione in assessorato – a cui speriamo parteciperà anche l’amministrazione Valenti – per decidere se emanare un bando completo o procedere alla manifestazione d’interese, in cui comunque si spera che saranno incluse anche le Stufe.

Nel corso dell’incontro Armao ha anche affermato che l’errore più grande è stato quello di permettere che le Terme venissero chiuse. Ovviamente, rilanciare una struttura così complessa sarebbe stato molto più facile da aperta, una volta chiusa ed abbandonata i costi e le difficoltà di un rilancio anche pubblicitario non fanno che aggravare la situazione.

“La Regione in ogni caso va avanti”, ha affermato comunque Armao, ricordando che se il Comune di Sciacca avesse fatto quanto era in suo potere, oggi si sarebbe quasi potuto parlare di inagurazione, invece si attende ancora che la Regione riesca a risolvere tutto.

Anche per questo, “Ora Basta!” ha dato la propria disponbilità alla Regione a mettere a disposizione i proprio professionisti per velocizzare l’iter ove ce ne fosse bisogno.

Insomma, un incontro proficuo quello di stamattina, ma che comunque non farà abbassare la guardia a Messina e ai suoi: “Noi non molliamo un attimo – ha affermato l’ex sindaco – staremo sempre col fiato sul collo della Regione per evitare che ci si impatani ancora sulla questione Terme”.

Poi Messina si è permesso una battuta sul sindaco Valenti: “Io il sindaco non l’ho neppure sentita, ma se fossi stato io il sindaco di Sciacca ed avessi appreso di un’associazione che andava a Palermo a protestare per le Terme, mi sare unito anch’io. Certo, – ha evidenziato Messina – in questa occasione il sindaco Valenti avrebbe rischiato che Armao, affacciandosi alla finestra, la richiamasse consigliandole di protestare contro sé stessa”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Politica, Prima Pagina, Sciacca , , , , , , ,

Informazioni su Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.

Precedente Sciacca. Sbloccato iter Cansalmone, Bilello (M5S): "Grazie al nostro impegno, Giunta Valenti non ha fatto nulla" Successivo Inghilterra. Il Primo Ministro Theresa May si dimetterà il 7 giugno: falliti tutti i tentativi di Brexit