Sciacca. Zona Rossa sempre più vicina. Convocato il COC: “A favore delle restrizioni, tocca a Musumeci”

Altro che numeri, calcoli e voli pindarici di improbabili esperti: come avevamo annunciato il numero di casi di positivi al Covid a Sciacca è un grosso problema e probabilmente da domani scatterà la zona rossa

Dopo gli altri 5 contagi di ieri che hanno portato a 116 il numero totale dei casi di Covid a Sciacca non si può più soprassedere. Per questo l’ASP oggi ha chiesto che Sciacca divenga “zona rossa” da domani 17 al 31 marzo.

A seguito di tale richiesta quindi, il sindaco di Sciacca Francesca Valenti ha convocato d’urgenza il COC dalle 10:30 di questa mattina, dalle sue risultanze si saprà se Sciacca diverrà effettivamente zona rossa ed in che misura.

Aggiornamento:

Centro Operativo Comunale di Sciacca  (COC) aderisce alla richiesta dell’Asp sulla ZONA ROSSA

Il Dipartimento di Prevenzione dell’Asp ha oggi chiesto al Presidente della Regione Siciliana la dichiarazione della Zona Rossa nel Comune di Sciacca. Dopo avere ricevuto questa mattina la comunicazione dall’Azienda Sanitaria, il sindaco Francesca Valenti ha convocato d’urgenza il COC, il Centro Operativo Comunale, per esaminare la situazione, valutare la richiesta e assumere tutte le decisioni conseguenti.

Alla presenza degli assessori della Giunta, del segretario comunale, dei dirigenti comunali, della struttura di protezione civile comunale, dei rappresentanti della Croce Rossa Italiana, delle associazioni Vigili del Fiuoco in congedo e della Guardia Costiera Ausiliaria, il COC ha preso atto dei dati e delle motivazioni dell’autorità sanitaria decidendo di condividere unanimemente la richiesta del Dipartimento di Prevenzione dell’Asp al fine di contrastare la diffusione del contagio che negli ultimi giorni ha avuto un’accelerazione tale e caratteristiche di propagazione da suggerire subito “l’adozione di protocolli contenitivi atti a circoscrivere il fenomeno” .

Il Dipartimento di Prevenzione dell’Asp informa che ad oggi sono stati accertati 117 casi di positività con numerosi casi che attengono a clusters familiari per i quali si stanno completando o tracciamenti. L’Asp ha chiesto la zona rossa da domani e fino al 31 marzo 2021 per il numero dei contagiati, le caratteristiche epidemiologiche del fenomeno, la veloce propagazione del fenomeno, il rapidissimo aumento dei casi in pochi giorni, la previsione di un elevato numero di contatti stretti e contatti occasionali.

Si resta in attesa, adesso, delle deliberazioni del Presidente della Regione Siciliana e dell’eventuale ordinanza contingibile e urgente. 

Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti