Sgominata “la banda dei siciliani”: avevano fatto assalti a mano armata a Castelvetrano, Trapani e Palermo


È in corso dalle prime luci dell’alba una operazione della polizia di Stato denominata “Coyote”, tra le province di Trapani e Palermo, che si è conclusa con quattordici provvedimenti restrittivi della libertà notificati tra Mazara del Vallo, Castelvetrano e Palermo.

polizia-notte

Gli arrestati sono tutte persone imputate di aver fatto parte di una o più bande, resise rei di avere commesso, tra gennaio e febbraio di quest’anno, una serie di rapine a mano armata ai danni di banche e gioiellerie, nelle città di Vita, Marsala, Partanna e persino ad Ascoli Piceno.

L’operazione è stata condotta dagli agenti del Commissariato di Mazara del Vallo, in collaborazione con la Squadra mobile di Trapani e del Reparto Prevenzione Crimine di Palermo, che si sono avvalse di unità cinofile. Durante l’operazione sono state eseguite numerose perquisizioni, durante le quali è stato trovato materiale che potrebbe essere utile per ulteriori indagini.

I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dal Gip di Marsala Annalisa Amato, su richiesta del sostituto procuratore Anna Sessa.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti