“Sì” dall’Ars alla legge sull’edilizia. M5S: “Da oggi maggiore tutela del paesaggio e burocrazia ridotta”


“Una data da segnare in rosso sul calendario di questo parlamento e della Sicilia tutta”. Commenta in questo modo Giampiero Trizzino il “si” alla riforma sull’edilizia arrivato oggi a sala ‘d’Ercole, di cui è primo firmatario.

ars

“Si tratta di un lavoro – dice Trizzino – che arriva finalmente al capolinea dopo tre anni di lavoro e dopo 15 anni di attesa. Per questo voglio ringraziare gli organi professionali che ci hanno lavorato, e tra questi la consulta degli architetti, che hanno consentito di raggiungere questo risultato, mettendosi a disposizione con grande abnegazione e spirito di sacrificio e prestando gratuitamente il proprio tempo ad un progetto che alla Sicilia manca da oltre tre lustri”.

I benefici che riforma permetterà di conseguire sono soprattutto sul versante della tutela del paesaggio e della semplificazione amministrativa.

“La legge – spiega Trizzino – consentirà una notevole riduzione delle pastoie burocratiche per le imprese, grazie all’informatizzazione del sistema attraverso moduli on line e sportelli telematici e porterà benefici anche alla salvaguardia del paesaggio, attraverso il riconoscimento di nuove fasce di rispetto (quali quelle della Rete Natura 2000) e grazie al recupero dell’esistente, al fine di non gravare sui terreni liberi”.

Trizzino e il M5S hanno espresso soddisfazione anche per lo scampato pericolo per la sanatoria nelle coste, disinnescato dalla dichiarazione di inammissibilità dell’emendamento Fazio.

“Sarebbe stato uno scempio – afferma Trizzino. Cosa che non non avremmo mai permesso. Se l’emendamento fosse passato eravamo pronti perfino a votare contro l’intera nostra legge”


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.