⦿ Ultim'ora

Sofia trovata morta in casa dalla nonna: stroncata a 22 anni da un’improvviso aneurisma

I colleghi della ditta “Tre Cuori” sono rimasti basiti e increduli quando hanno saputo della morte improvvisa di Sofia stroncata a soli 22 anni da un improvviso aneurisma

Il malore improvviso ha colto la ragazza venerdì 3 maggio nell’appartamento di via Verdi a Conegliano, in provincia di Treviso, dove abitava insieme alla nonna. Sofia Ratanina originaria di Kiev, si era stabilita a Conegliano nel 2018 ed è stata proprio la nonna a trovarla in terra priva di sensi. L’anziana donna ha subito chiamato i soccorsi e la 22enne è stata trasportata d’urgenza al Ca’ Foncello di Treviso, dove è stata ricoverata in terapia intensiva. Sofia per tre giorni ha lottato per vivere, ma purtroppo l’aneurisma che l’ha colpita non le ha lasciato scampo e nel tardo pomeriggio di lunedì la sua vita si è spenta.

Basiti e increduli i colleghi della ditta “Tre Cuori”,  società che ha sede in viale Italia e che fa capo a Giovanni Lucchetta, parlano della collega definendola radiosa, dotata di spiccata empatia e dalle indiscusse capacità professionali: “Era arrivata da noi per il tramite di un programma di aiuto alla popolazione ucraina attuato dalla Croce Rossa – spiegano alla Tre Cuori – Diversi mesi fa la Croce Rossa ci ha chiesto se volevamo aderire a un programma di sostegno ai cittadini ucraini, dando loro lavoro. Così abbiamo attivato uno stage per Sofia che stava ancora studiando. Si è laureata mentre svolgeva lo stage da noi. La giovane ha mostrato fin da subito spiccate capacità professionali nonché di sapersi rapportare al meglio con i colleghi. Tutti le volevano bene”.