Sottufficiale Guardia Costiera muore nella vasca da bagno stroncato da un malore improvviso


Ancora un decesso di un appartenente alle forze dell’ordine: Antonino Zaffino, 47 anni il prossimo 6 febbraio, è deceduto nella sua abitazione stroncato da un malore improvviso. Lascia la giovane moglie e due figli

La tragedia si è verificata la mattina del 7 gennaio in un’abitazione a La Spezia. La vittima è Antonino Zaffino, originario di Roma, che avrebbe compiuto 47 anni il 6 febbraio prossimo, sottufficiale di prima classe della guardia costiera, che è stato trovato morto nella vasca da bagno della sua abitazione. A stroncarlo un malore fulminante che non gli ha lasciato scampo. A fare la triste scoperta è stata la giovane moglie che era solita ricevere il bacio dal marito prima di uscire di casa per recarsi al lavoro.

La moglie, anche lei sottufficiale in Marina, quando non ha sentito il marito uscire di casa, si è insospettita e l’ha cercato nell’appartamento, trovandolo riverso, immobile nella vasca da bagno. La donna in preda al panico ha praticato un massaggio cardiaco, poi disperata ha telefonato al 118 e ad una collega del marito che abita poco distante.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, ma per il 46enne non c’era più nulla da fare. Poi è arrivato il medico legale Federico Caiti, che ha constatato il decesso del militare.Il pm Monica Burani, trattandosi di morte per cause naturali, ha concesso il nulla osta per i funerali e la salma è stata recuperata dalle onoranze Chelli.

Una famiglia felice quella di militare e della sua giovane moglie, dalla cui unione sono nati due splendidi bambini. Antonino Zaffino, era uno stimato sottufficiale, che da alcuni anni era comandante turnista della motovedetta Sar classe 800 alla Capitaneria di Santa Margherita Ligure e la mattina si alzava molto presto perché doveva prendere il treno per Genova.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti

Lascia un commento