Strada NC n.25 collegamento Mussomeli-S.Giovanni Gemini-bivio SS 189: emessa ordinanza che consente il transito in brevi tratti per i residenti


Il Libero Consorzio interviene in merito alla strada NC n. 25 di collegamento Mussomeli-S.Giovanni Gemini-Bivio SS 189, già interdetta al traffico con ordinanza n. 15 del 24 maggio 2014 a causa di dissesti e della rottura di numerosi giunti sui viadotti.

S.giovanni-gemini-strada

Nei giorni scorsi, infatti, il Libero Consorzio era stato sollecitato dall’autorità giudiziaria a vigilare sull’interdizione effettiva alle auto e ai mezzi di lavoro, situazione che aveva creato non pochi disagi alle aziende e ai residenti, anche se la strada risultava già chiusa al traffico.

In seguito al sopralluogo eseguito dai tecnici del Libero Consorzio e alla nota della Prefettura di Agrigento che segnalava nella zona interdetta al traffico la presenza di ben 36 aziende agricole e zootecniche e di una struttura agrituristica, nonché di gruppi familiari residenti in alcune di dette strutture, e che la NC 25 è l’unica via di accesso, il Settore Infrastrutture Stradali del Libero Consorzio ha emesso un’ordinanza (n. 10 del 22/09/2016) con la quale viene consentito, per brevi tratti e con limiti ben precisi, il transito sulla NC n. 25 ai soli residenti secondo il seguente prospetto:

         transito veicolare consentito, con limite massimo di 20 km/h, dal km 0.00 incrocio con la SP 26 al km 0+900;
         transito consentito ai soli residenti ed operatori economici della zona, con limite di velocità a 20 km/h, tra il km 0+900 e il km 3+450 coincidente con l’inizio dei viadotti;
         transito rigorosamente interdetto nel tratto dal km 3+450 al km 5+106 coincidente con la fine del tratto percorso dai viadotti;
         transito consentito ai soli residenti ed operatori economici della zona, con limite di velocità di 20 km/h tra il km 5+106 ed il km 5+700 fine strada, incrocio con la SP n.16 della provincia di Caltanissetta.
Sono stati apposti i relativi segnali e sono state sollecitate tutte le autorità di polizia a far rispettare rigorosamente l’ordinanza n.10, che, di fatto, consente, sia pure con limiti ben precisi, di non interrompere le attività agrozootecniche in quella zona.
Giova ricordare che esiste già un progetto esecutivo elaborato dal Settore Infrastrutture Stradali per un importo di spesa previsto di 2.870.000,00 euro per la riapertura della NC n.25. Un progetto prioritario già inserito al primo posto nel Piano triennale delle Opere Pubbliche 2016/2018, e per il quale è stato richiesto il finanziamento all’Assessorato Regionale delle Autonomie Locali.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.