Trapani dichiara guerra alla prostituzione: multe di 250€ per “lucciole” e clienti


Il sindaco di Trapani Vito Damiano ha dichiarato “guerra” alla prostituzione nella sua città e per combatterne il fenomeno che imperversa in alcune vie cittadine, ha adottato un metodo antico ma sempre efficace: la multa.

prostituteHa fatto ricorso infatti ad un’apposita ordinanza, risalente al 2009, che prevede sanzioni di 250 euro “per chi assume atteggiamenti e comportamenti che manifestino inequivocabilmente l’intenzione di esercitare l’attività di prostituzione su strada pubblica”. Guerra aperta dunque a Trapani contro “lucciole” e clienti.

La decisione è stata presa a seguito delle svariate segnalazioni fatte dai cittadini, relative alla presenza di prostitute soprattutto in piazza Ciaccio Montalto e via Virgilio.

L’Amministrazione Comunale, ne ha preso atto ed ha emesso una nota stampa, comunicando: “che è sensibile alla problematica e che sta intensificando i controlli, già da tempo svolti, tramite la Polizia Municipale”.

Sempre nella stessa nota stampa, si ricorda: “che è in atto un’apposita ordinanza del 2009, la n.55, che prevede sanzioni di €250 per chi assume atteggiamenti e comportamenti che manifestino inequivocabilmente l’intenzione di esercitare l’attività di prostituzione su strada pubblica. Sanzione che è estesa anche a chi concorda prestazioni a pagamento a piedi o all’interno di un’auto o si intrattiene anche solo per chiedere informazioni o, ancora, a chi consente la salita sul proprio autoveicolo di uno o più soggetti dediti alla prostituzione”.

Inutile quindi dire che ci si trovava li per caso, la multa, almeno da quanto si legge, scatterebbe ugualmente.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti