⦿ Ultim'ora

Ucraina. Attacco russo  a Kharkiv: 12 feriti, distrutti diversi edifici tra cui un caffè. Conquistato un altro villaggio

Un attacco aereo russo sulla città nord-orientale ucraina di Kharkiv, condotto con due bombe guidate, ha distrutto un caffè, danneggiato un vicino edificio residenziale e incendiato una stazione di servizio

Lo hanno affermato funzionari locali aggiungendo che dodici persone sono rimaste ferite, di cui almeno una gravemente. Un grattacielo di 12 piani ha avuto quasi tutte le finestre spazzate via. A circa 50 metri di distanza, anche un filobus verde aveva tutti i finestrini spazzati via e la fiancata posteriore coperta da un vasto schizzo di sangue che si accumulava in una pozzanghera sull’asfalto.

Il capo dell’Ufficio del procuratore della regione di Kharkiv, Oleksandr Filchakov, intervistato nel video afferma: “A seguito di questo attacco aereo, due edifici residenziali a più piani sono stati danneggiati. Inoltre, un bar è stato distrutto, un altro bar è stato danneggiato, la stazione di lavaggio auto e quattro auto sono state danneggiate. Al momento, dieci civili hanno chiesto assistenza medica. Posso dirvi che il numero dei feriti potrebbe purtroppo aumentare. Un uomo è in gravi condizioni, si tratta di un autista di filobus che si trova in ospedale. Era proprio accanto all’epicentro dello sciopero. Gli sono stati amputati i due arti”. “Il proprietario del caffè Vahe Ohandzhanian ha raccontato all’agenzia britannica Reuters di essere rimasto senza nulla”, tra le rovine del suo bar, che l’esplosione ha divelto in gran parte, spargendo pannelli del tetto in ferro ondulato e mattoni a decine di metri di distanza. 

Intanto sul terreno Mosca continua ad avanzare, il ministero della Difesa di  ha detto che le truppe russe hanno conquistato un altro villaggio, Klescheevka, nella regione di Donetsk. Mentre in quella di Kharkiv il capo dell’amministrazione politico-militare filorussa, Vitaly Ganchev, ha annunciato che 49 villaggi sono caduti finora nelle mani dei soldati di Mosca. i questi, 13 durante l’avanzata cominciata il 10 maggio dal confine russo a nord-est e 36 in quella in corso da mesi da sud nel distretto di Kupyansk.