⦿ Ultim'ora

Ucraina. Mosca schiera in Crimea l’S-500 Prometheus: la nuova arma intercetta anche i missili ipersonici

L a Russia ha schierato in Crimea il sistema di difesa aerea S-500 a protezione della penisola e del ponte di Kerch dagli attacchi ucraini

A riferire la notizia è il sito Usa “Business Insider”, secondo cui l‘S-500 chiamato Prometheus, è un sistema anti missili avanzato, che sarebbe ancora “sperimentale” e non è mai stato utilizzato in combattimento prima. La Russia lo ha spostato in Crimea per proteggere il ponte di Kerch, oltre a rafforzare la rete di difesa aerea russa nella Crimea annessa. 

Il ponte lungo 12 miglia, che collega la Russia continentale alla Crimea, è importante per le forze russe per raggiungere l’area e per questo è stato ripetutamente un bersaglio per le navi droni e le bombe negli attacchi dell’Ucraina che solo una volta, all’inizio della guerra sono riusciti a danneggiarlo in una carreggiata. 

Prometheus, è un sistema di difesa mobile terra-aria progettato per intercettare missili balistici e altre armi a distanza . Il sistema è «essenzialmente una versione modernizzata dell’S-300, ha detto giovedì l’Institute for the Study of War, un think tank con sede a Washington DC . Testato più volte, non era mai stato impiegato in combattimento prima. La Russia ha sostenuto di essere in grado di intercettare tutte le armi, compresi i missili ipersonici, che sono estremamente veloci e volano su percorsi imprevedibili a basse altitudini. 

Lo sviluppo e la produzione dell’S-500, è iniziato  nel 2010 ced è stato consegnato alle forze armate nel 2021, sebbene con capacità limitate e non in grado di soddisfare i requisiti del sistema. Nell’aprile 2024, l’allora ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, aveva annunciato, come riporta ancora “Bysiness Insider” che sarebbe entrato in battaglia in due varianti: difesa missilistica e ruolo antiaereo. Il compito dell’S-500, è quindi di proteggere il ponte di Kerch e nel rafforzare le capacità di difesa aerea russa in Crimea.