⦿ Ultim'ora

Ucraina. Proteste in piazza Maidan a Kiev: famiglie dei soldati chiedeno ail governo il ricambio al fronte

Tornano le proteste a piazza Maidan, cuore della capitale ucraina, nel mirino ancora il governo come accadde nel 2014, sul modo in cui gestiste i militari al fronte: “Nuovi soldati. Gli eroi non sono schiavi”, gli slogan più usati

Foto archivio

Lo riferisce Ukrinform, secondo cui nella ormai famosa piazza Maidan di Kiev, le famiglie dei soldati arruolati che attualmente prestano servizio nell’esercito, armati di manifesti e bandiere, hanno partecipato ad una manifestazione per chiedere la smobilitazione dei loro parenti. Gli attivisti chiedono che i legislatori approvino una legge che stabilisca termini ragionevoli per il servizio militare sotto la legge marziale. Sui cartelli portati dai manifestanti c’erano le scritte: “Nuovi soldati”, “Gli eroi non sono schiavi”.

Quella del ricambio dei soldati al fronte è una delle principali sfide che dovrà affrontare il nuovo comandante delle forze armate ucraine, Oleksandr Syrsky. A gennaio le famiglie dei soldati ucraini schierati al fronte hanno organizzato manifestazioni in diverse città dell’ucraina, chiedendo la smobilitazione dei loro cari dopo 18 mesi di servizio continuo. Il 7 febbraio, la Verkhovna Rada – il Parlamento ucraino – ha approvato in prima lettura il disegno di legge che modifica l’attuale procedura di mobilitazione, inasprendo ancora dipiù le condizioni sul reclutamento.