Università, sindaco Di Paola e ass. Testone incontrano il presidente del Cupa Armao


Il sindaco Fabrizio Di Paola e l’assessore alla Pubblica Istruzione Maria Antonietta Testone hanno incontrato il presidente del Polo Universitario della Provincia di Agrigento Gaetano Armao. L’incontro è avvenuto l’altro ieri ad Agrigento.

universita-agrigento

“Col professore Armao, da poco presidente, – dicono il sindaco Di Paola e l’assessore Testone – si è discusso della situazione del Polo Universitario. La nuova gestione lavora a un rilancio dell’università agrigentina, con il potenziamento dell’offerta didattica. Tenendo conto delle risorse e della vocazione dei territori, si pensa a percorsi di studi più attrattivi per gli studenti, con il coinvolgimento più incisivo dei comuni.

Per quanto riguarda il nostro territorio, si ipotizza l’attivazione a Sciacca di un corso di laurea in Economia del Turismo con il coinvolgimento anche degli operatori turistici per stage di lavoro nelle strutture. Come Amministrazione comunale, abbiamo manifestato la disponibilità a mettere a disposizione nostri locali, come il complesso monumentale di Sant’Anna già attrezzato per ospitare attività culturali e corsi di studio”.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.