⦿ Ultim'ora

Washington. “Nato sull’orlo di una crisi di nervi”: a Kiev Samp-T e Patriot da 5 Paesi (tra cui l’Italia). Mosca osserva

L’annuncio è arrivato nel giorno primo del vertice Nato in corso a Washington; “Usa, Germania, Paesi Bassi, Romania e Italia consegneranno all’Ucraina cinque sistemi strategici aggiuntivi per la difesa aerea nei prossimi mesi”

Per il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è una donazione storica: “Oggi annuncio una storica donazione di attrezzature di difesa aerea per l’Ucraina. Gli Stati Uniti, la Germania, i Paesi Bassi, la Romania e l’Italia forniranno all’Ucraina altri cinque sistemi di difesa aerea strategica nei prossimi mesi”: tra questi anche sistemi Patriot, mentre l’Italia fornirà un nuovo sistema di difesa Samp-T. Ha detto Joe Biden all’apertura del vertice Nato a Washington. “L’Ucraina può fermare e fermerà Putin”, aggiunge Biden, che evidenzia il crescente impegno dei membri della Nato. “Nel 2020, quando sono stato eletto, solo nove alleati” della Nato “spendevano il 2%” del Pil in difesa, “ora sono 23” che rispettano il tetto del 2% “o più”.
L’annuncio arriva il giorno dopo che la Russia ha bombardato a tappeto l’Ucraina, operazione militare che è sembrata un chiaro avvertimento alla Nato, che infatti sembra averlo capito bene e ha risposto con questo annuncio, che però appare frutto di un evidente nervosismo per l’imcapacità oggettiva di fermare la lenta ma costante avanzata russa. Sorvolando sul fatto che 5 o anche 10 di questi sistemi, in considerazione dalla vastità dell’Ucraina, non possono fermare i russi, gli alleati, non tutti, continuano a mandare privandosene i loro sistemi di difesa, Patriot e SAMP-T a Kiev, che l’esercito russo, come dimostrano i video che girano sui social, continuano a distruggere. Fino ad oggi la stragegia di mandare sempre più armi non prodotto risultati, mentre vengono ignorati gli appelli e le mosse di chi come il presidente ungherese Orban, chiede di aprire un negoziato per fermare la guerra.

L’Italia è tra i cinque Paesi che ieri hanno comunicato l’imminente consegna all’Ucraina di nuove batterie per la difesa antiaerea. Nel dettaglio, Stati Uniti, Germania e Romania invieranno batterie Patriot, i Paesi Bassi, in collaborazione con altre nazioni, manderanno componenti necessarie al loro funzionamento e l’Italia contribuirà con il suo sistema Samp-T, sviluppato insieme alla Francia. “Questi cinque sistemi di difesa aerea strategici contribuiranno a proteggere le città, i civili e i soldati ucraini e ci stiamo coordinando strettamente con il governo ucraino in modo che questi sistemi possano essere utilizzati rapidamente – si legge nel comunicato congiunto siglato da Biden, dal cancelliere tedesco Olaf Scholz, dal presidente del Consiglio Giorgia Meloni, dal primo ministro olandese Dick Schoof e dal presidente rumeno Klaus Iohannis, nonche’ dal presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, giunto oggi nella capitale statunitense per partecipare ai lavori del summit.

“Nei prossimi mesi, gli Stati Uniti e i partner intendono fornire all’Ucraina dozzine di sistemi di difesa aerea tattici, tra cui NASAMS, HAWK, IRIS T-SLM, IRIS T-SLS e i sistemi Gepard. Questi sistemi espanderanno e rafforzeranno ulteriormente la copertura della difesa aerea dell’Ucraina. Diversi alleati – tra cui Canada, Norvegia, Spagna e Regno Unito – continueranno a svolgere un ruolo fondamentale nella fornitura di questi sistemi, e molti altri sostenitori dell’Ucraina contribuiranno alla fornitura di intercettori.