Sciacca. Bono e Milioti categorici: “Noi sempre contro sindaco Valenti, suo progetto è fallito”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I due consiglieri di opposizione tuonano: “Non siamo interessati a nessun progetto che riguardi la messa in atto delle larghe intese”

“Le larghe intese non ci interessano, non le cerchiamo, non le abbiamo richieste, e lo abbiamo sempre dimostrato con i fatti, e non con le note stampa o con le parole. Lo abbiamo dimostrato con la nostra assidua attività sia in consiglio comunale sia nelle commissioni consiliari”, a dirlo oggi sono i due consiglieri di opposizione Giuseppe Milioti e Calogero Bono.

“La nostra attività politica è stata sempre in netto contrasto e contrapposizione con la coalizione che fa capo all’avvocato Francesca Valenti.

Riteniamo che il progetto politico della Professoressa Valenti sia già fallito, non oggi, ma nel momento in cui ha deciso di azzerare la propria Giunta, che era composta da soggetti politici fondamentali per la sua elezione. Ancor di più, non ci rappresentano i soggetti politici e le forze politiche che oggi sostengono quello che è rimasto della maggioranza. Il loro progetto è fallito, non vi è più fiducia nel sindaco Valenti e quella palesata da più parti è soltanto una fiducia finta, di facciata, dettata soltanto dalla voglia di qualcuno di ottenere altre poltrone.

Hanno perso di vista il bene comune. Dopo un azzeramento fatto appena sei mesi fà, continuano a pensare soltanto a cambiare e rimodulare poltrone e deleghe fregandosene di quello che i cittadini pensano. Noi diciamo NO alle larghe intese nel rispetto degli elettori a differenza loro che sin dall’azzeramento continuano a calpestarlo questo consenso, diciamo NO a far parte integrante di un progetto, nei fatti, già fallito per la seconda volta . Riteniamo nobili le richieste di larghe intese fatte da parte di qualche collega di maggioranza che purtroppo solo oggi si accorge di trovarsi nella stessa situazione in cui si trovò tra il 2009 ed il 2011 quando a tirare le fila erano gli stessi soggetti.

E’ certo che le larghe intese nel vero interesse della collettività sono fondamentali , ma non così e non con chi predica pace e collaborazione mentre non riesce a trovarla neanche al suo interno.

Pertanto l’unica cosa concreta che possono fare per il bene comune è dimettersi e rimettere il mandato nelle mani degli elettori così come viene richiesto dalla città di Sciacca anche se qualcuno si ostina a non capirlo”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Politica, Sciacca , , ,

Informazioni su Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.

Precedente Sciacca. Non c'è pace per le strade: Cede fognatura, chiusa via Pietro Gerardi Successivo Rocambolesco incidente sulla A18: un Tir si ribalta ed invade la carreggiata, ferito il conducente