Covid. Musumeci istituisce 5 zone rosse e da venerdì chiude le scuole in 24 comuni dell’isola


In Sicilia in alcune aree è stata superata la soglia di sicurezza dei casi di contagio da covid, fissata in 250 ogni 100mila abitanti e sono scattate cinque zone rosse e il blocco alle lezioni in presenza in 24 comuni dell’isola

Il presidente della Regione Nello Musumeci nella serata di ieri firmato un’ordinanza anti-Covid che prevede nuove restrizioni ad Altavilla Milicia e San Mauro Castelverde nel Palermitano, a Montedoro, in provincia di Caltanissetta, a Raffadali nell’Agrigentino e a Portopalo di Capo Passero in provincia di Siracusa,. Le restrizioni scatteranno domani venerdì 12 e saranno valide fino al 27 marzo.

Inoltre per la prima volta in Sicilia è stao applicato il nuovo Dpcm del presidente del Consiglio Mario Draghi che dispone la chiusura delle scuole da lunedì 15 a sabato 20 in 24 centri che, stando ai report appena forniti alla presidenza dall’assessorato regionale alla Salute, hanno visto i casi di positività superare la soglia di allarme, fissata a 250 contagi ogni 100mila abitanti.

Scattano dunque le restrizioni sulle lezioni in sei centri della provincia di Palermo (oltre ai due appena entrati in zona rossa si tratta di Isola delle Femmine, Torretta, Villabate e Ventimiglia di Sicilia), quattro della provincia di Agrigento (oltre a Raffadali ci sono Alessandria della Rocca, Caltabellotta e Camastra), quattro del Messinese (Castell’Umberto, Cesarò, San Teodoro e Sant’Alessio Siculo), addirittura otto nel Nisseno (oltre a Montedoro le restrizioni scattano a Delia, Milena, Mussomeli, Riesi, Serradifalco, Vallelunga Pratameno e Villalba), uno nel Ragusano (Acate) e uno enl Siracusano (anche in questo caso si tratta di Portopalo).


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti