Ex linea ferrata, il sindaco Di Paola chiede a Federservizi la sospensione della vendita


Il sindaco Fabrizio Di Paola contro la decisione di Ferservizi di mettere in vendita lotti di terreno ricadenti nel territorio di Sciacca e costituenti porzioni dell’ex linea ferrata “Castelvetrano-Porto Empedocle”: due, con accesso da Via Marco Polo e Via dei Coralli, i restanti due individuati nelle contrade San Marco e Sovareto. Il sindaco ha manifestato formale opposizione, chiesto la sospensione delle operazioni di vendita e un incontro alla società.

littorina-treno2

“Fermo restando il diritto di prelazione, da esercitarsi anche in fase successiva, – ha scritto il sindaco Fabrizio Di Paola in una nota trasmessa al responsabile del Distaccamento Servizi Immobiliari della Zona Sud di Ferservizi – si manifesta sin da adesso la formale opposizione di questa Amministrazione alla vendita in quanto per il Comune di Sciacca, le tratte in disuso della linea ferrata hanno un grande valore storico, culturale, paesaggistico e turistico. Infatti, proprio per tale importante valenza, è stato redatto anche un progetto per la riconversione del percorso in una greenway. Per la realizzazione del progetto si è già partecipato negli anni scorsi a bandi comunitari, con utile collocazione in graduatoria. È intendimento di questo Ente continuare a insistere con i prossimi bandi utili per trovare la relativa copertura finanziaria. L’iniziativa è infatti ritenuta strategica nell’ambito delle politiche di promozione del turismo, in tutte le sue forme, inserendosi così nelle proposte offerte dal territorio”.

Nel manifestare disponibilità per un apposito incontro, il sindaco Fabrizio Di Paola ha chiesto formalmente a Ferservizi “di sospendere la vendita fissata a breve (il 2 dicembre 2016) limitatamente ai lotti di terreno interessanti la linea ferroviaria “Castelvetrano-Porto Empedocle” situati nel territorio di Sciacca”.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.