Turturici e Monteleone su tariffe acqua: “Intervenga la Regione in favore di chi ha consegnato le reti”


I consiglieri Salvatore Monteleone e Mario Turturici chiedono di inserire la problematica della “Gestione servizio idrico” all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale, perché si assumano tutte le determinazioni del caso.

monteleone-turturici

Come noto, con la rinuncia del governo della Regione a difendere davanti alla Corte Costituzionale la cosiddetta riforma dell’acqua pubblica, dopo l’impugnativa da parte del governo nazionale, cade ogni possibilità di abbassare il costo dell’acqua attribuendo al governo il potere di fissare nuove tariffe.

Al contempo, rimane in piedi la incredibile situazione della nostra provincia, dove 16 comuni su 43 ( quelli che l’acqua ce l’hanno) – continueranno a gestire in proprio il servizio a tariffe basse, mentre gli altri comuni dovranno addirittura farsi carico delle diseconomie determinate dalla mancata consegna delle reti da parte dei comuni “ dissidenti”.

“Una situazione di disparità all’interno dello stesso ambito che si pone in contrasto con le finalità della Legge Galli, -dicono oggi i consiglieri – e che dovrebbe indurre il nostro Comune, unitamente agli altri che hanno rispettato la legge e consegnato le reti, ad agire con forza e chiedere il risarcimento dei danni provocati dalla Regione, per avere questa legiferato in modo da legittimare tale disparità, penalizzando gli utenti del servizio residenti nei 27 comuni consegnatari degli impianti, costretti a subire tariffe inique, il cui costo è lievitato proprio a seguito delle predette diseconomie.

Un risarcimento danni che la Regione – concludono – dovrebbe garantire con il varo di una misura compensativa in favore di quei comuni che hanno consegnato le reti, finalizzata ad eliminare le disparità e garantire un risparmio (Bonus) sulle bollette pagate dagli utenti”.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.