Dal 6 dicembre entra in vigore il Super green pass: ecco cosa cambia per zona bianca, gialla, arancione e rossa

Da lunedì prossimo entrano in vigore le nuove misure anti covid che limitano la libertà di chi non si è vaccinato. Ecco cosa cambia

Da lunedì 6 dicembre e fino al 15 gennaio, in Italia entra in vigore il Super green pass, di fatto un inasprimento delle limitazioni della libertà di circolazione, rispetto alla certificazione verde precedente, che comunque resterà valida in alcuni ambiti, in primis l’accesso ai luoghi di lavoro. Il nuovo lasciapassare, prevede misure più restrittive per i non vaccinati rispetto a chi è vaccinato o guarito dal Covid, con distinzioni tra zona bianca, gialla, arancione e rossa.

Il Super green pass non servirà per viaggiare localmente né durante le festività, dal 6 dicembre al 15 gennaio, né successivamente, mentre sarà necessario anche in zona bianca per servizi come il cinema e il ristorante, ad eccezione degli impianti di risalita sulle piste da sci, dove in zona bianca e gialla sarà richiesto il Green Pass semplice e in zona arancione il Super Green Pass.

Vediamo dunque nel dettaglio cosa cambia tra chi e vaccinato e chi non lo è, anche in base ai vari colori.

Da lunedì ci saranno due Green pass, quello già noto e quello rafforzato, rilasciato solo alle persone vaccinate o guarite, e quello base rilasciato a chi si sottopone a un tampone molecolare (valido per 72 ore) o antigenico (valido per 48 ore). Chi possiede già un Green pass valido per vaccinazione o guarigione non deve scaricare una nuova Certificazione perché sarà l’app Verifica C19 a riconoscerne la validità.

Sempre da lunedì 6 dicembre il Green pass base, ottenuto anche con tampone, sarà necessario per entrare in metropolitana, salire sugli autobus e prendere treni regionali rispetto ai soli viaggi su mezzi di lunga percorrenza (aerei, navi, treni Intercity e Alta Velocità, corriere funivie, cabinovie, impianti sciistici). Le uniche esenzioni riguardano i soggetti di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale.

Per viaggiare localmente non serve dunque il Super green pass, né durante le festività (ossia dal 6 dicembre al 15 gennaio, periodo durante il quale serve il Green Pass rafforzato anche in zona bianca per servizi come il cinema e il ristorante) né successivamente. Fa eccezione il caso degli impianti di risalita sulle piste da sci: in zona bianca e gialla richiedono il Green Pass semplice, in zona arancione il Super Green Pass.

Il Super green pass sarà adottato anche in zona bianca. Per una serie di attività – bar e ristoranti al chiuso, impianti sportivi, spettacoli, feste, discoteche e cerimonie pubbliche – servirà il vaccino, per recarsi al lavoro sarà sufficiente il tampone.

L’obbligo di Super green pass non riguarda l’ingresso in hotel né la consumazione dei pasti in albergo. Per gli ospiti in hotel è sufficiente avere il Green pass base. Allo stesso modo, ricorda Federalberghi, chi soggiorna in un hotel può tranquillamente accedere alla sala ristorante, al bar, al centro benessere e alla piscina dell’hotel esibendo la certificazione verde semplice.

Per le mascherine resta l’obbligo di tenerle al chiuso, ma sono molte le città che stanno tornando all’obbligo anche all’aperto per il periodo di Natale soprattutto nelle vie centrali.

Nessuna limitazione, nemmeno transitoria, per chi ha già avuto il Covid da meno di 6 mesi o si è sottoposto a vaccinazione entro i 12 mesi precedenti, nell’accesso a spettacoli ed eventi sportivi, alle cerimonie e ai ristoranti in zona gialla. Resta naturalmente l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto, come previsto sinora.

In caso di passaggio in zona arancione, le restrizioni e le limitazioni non scattano, ma alle attività possono accedere i soli detentori del Green Pass rafforzato. Chi ha aderito alla campagna vaccinale (anche senza la terza dose) o è guarito dal Covid potrà accedere a tutti quei locali e servizi anche se il luogo in cui abita diventa zona gialla o arancione quindi. Limitazioni sugli spostamenti e chiusure per tutti (non solo per i no vax) in zona rossa.

Infine da lunedì, dopo il Friuli Venezia Giulia, cambierà colore anche l’alto Adige che entrerà in zona gialla, mentre il resto d’Italia al momento resta in zona bianca.

 

Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti