Lampedusa. Ritrovato fra le rocce il cadavere del poliziotto 31enne scomparso ieri sera: indaga la Procura


Il cadavere del poliziotto della Scientifica scomparso ieri sera a Lampedusa, è stato ritrovato fra le rocce del costone di Ponente. Si ipotizza che possa essere scivolato e la Procura ha aperto un’inchiesta

La scomparsa del poliziotto 31enne, assistente scelto aggregato della Scientifica, originario di Napoli, risale a ieri sera, quando accanto allo scooter, è stato ritrovato anche lo zaino con al’interno la macchina fotografica. L’assistente scelto infatti, non si era presentato all’hotspot dell’isola per prendere servizio.

All’alba di questa mattina, un natante con a bordo quattro vigili del fuoco, ha iniziato la ricerca via mare, dirigendosi verso località Ponente, dove, tra le rocce sottostanti al costone di Ponente, è stata ritrovata la salma. Ora si attende il via libera della Procura per poter recuperare il corpo del 31enne.

La procura di Agrigento ha aperto un’indagine per scoprire cosa sia accaduto, anche se al momento si ipotizza che il poliziotto possa essere scivolato da un’altezza di circa 140 metri, mentre guardava verso il mare e forse voleva fare qualche foto, anche in considerazione che dopo le intense piogge di questo periodo, il terreno dell’isola, in molti punti è instabile e quindi facile che possa sgretolarsi mentre qualcuno vi passi sopra.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti

Lascia un commento