Restauro colonna votiva nelle celebrazioni del 100° del disatro Dixmude, Monte: “Avviata interlocuzione con Governo Francese”

Oltre al ripristino della colonna votiva verrano realizzati anche importantissimi interventi di restauro conservativo nell’atrio Valverde e non solo, assicura Salvatore Monte

“È complessa ma abbondantemente operativa l’organizzazione che garantirà la restituzione alla città della colonna votiva posta lungo il viale delle Terme di Sciacca

La no profit inglese ha già avviato la progettualità legata al ripristino e, a breve, dopo un incontro con l’ufficio tecnico comunale potrà dare il via all’esecuzione dei lavori. Avviato un dialogo anche con la sovrintendenza ai beni culturali di Agrigento.

L’organizzazione nella giornata di oggi ufficializza l’avvio di un’importante interlocuzione con la Presidenza del governo francese che sarà in prima linea in quello che rientra in un progetto molto più ampio ed articolato che riguarda il Centenario dal disastro del DIXMUDE, avvenuta nel dicembre del 1923. La “VECTOR 2099”, è questa la denominazione della no profit che ha preso a cuore questa iniziativa, non si fermerà solo ed esclusivamente al ripristino della colonna votiva ma realizzerà importantissimi interventi di restauro conservativo anche nell’atrio Valverde e non solo.

La realizzazione dei lavori alla colonna votiva saranno realizzati con tecniche innovative trasformando lo stesso cantiere in oggetto di interesse. La stesura di un programma di celebrazioni legate al centenario è in fase di elaborazione e sarà rese noto nelle prossime settimane durante una apposita conferenza stampa. Tali attività – dichiara Salvatore Monte – sono il preludio di una grande valorizzazione del nostro territorio.

Da cittadino ed operatore culturale non posso che avere il cuore pieno di gioia in vista di una straordinaria operazione di rigenerazione culturale legata ad un avvenimento storico importantissimo per la nostra città. Tale iniziativa vedrà un ampio coinvolgimento popolare e merita l’affettuoso supporto di quanti vorranno partecipare attivamente alle iniziative culturali , sociali e di intrattenimento”.