Scoperta una maxi piantagione di “marijuana” di 3000 mq


Un’arresto nella tarda serata, questo è il bilancio dell’operazione che ha portato alla scoperta ed il sequestro della maxi piantagione.

piantagione-carabinieri

Nella serata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Licata, nel corso di articolato e predisposto servizio finalizzato al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti e psicotrope, hanno arrestato in flagranza di reato: Allegro Calogero, classe 1987, disoccupato di Palma di Montechiaro, già noto alle Forze dell’Ordine, poiché resosi responsabile del reato di coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo “marjuana” aggravata.

I Militari dell’Arma, al termine di una attività info-investigativa ed in seguito ad attività di perlustrazione aerea effettuata con il supporto operativo e tecnico dell’unità aerea del 9° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Palermo,  in questa località “Giacobbe” il fondo agricolo di proprietà 29enne palmese, rinvenendo all’interno di una serra agricola di nove campate una maxi piantagione di marijuana di circa 3.000 mq, con all’interno 3.000 piante di “cannabis indica”, perfettamente fiorite ed in ottimo stato di vegetazione, dell’altezza variabile dai 2 ai 5 metri, pronte per essere raccolte, che avrebbe avuto un valore stimato di 2 milioni di Euro sul mercato illecito delle sostanze stupefacenti, il tutto posto sotto sequestro.

Sul posto intervenivano anche i Carabinieri del Laboratorio Analisi Sostante Stupefacenti del Reparto Operativo Carabinieri di Palermo per le analisi qualitative e quantitative delle piante di “Cannabis Indica”.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva associato alla Casa Circondariale di Agrigento, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa dell’udienza di convalida.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.