Canicattì. 33Enne tenta furto al distributore di snack della scuola, si taglia e muore dissanguato. Disposta autopsia

Il corpo senza vita di un trentatreenne è stato ritrovato all’interno di una scuola: era immerso in una pozza di sangue. La Procura apre un’inchiesta e dispone l’autopsia

Il ritrovamento del corpo del 33enne è avvenuto questa mattina al momento della riapertura del liceo Scientifico “Sciascia” di Canicattì. Sul posto sono arrivati sanitari del 118 non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell’uomo.

Secondo una prima ipotesi investigativa avanzata dai carabinieri. la vittima, un 33enne già noto alle forze dell’ordine, nella notte si sarebbe introdotto all’interno della scuola per rubare quanto di valore, poi avrebbe rotto la vetrata del distributore di snack e bibite per prendere qualcosa, ma il vetro gli avrebbe provocato una profonda ferita ad un braccio, con una copiosa perdita di sangue, che gli avrebbe fatto perdere i sensi. L’uomo è quindi crollato sul pavimento ed è morto dissanguato.

La Procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un ‘inchiesta e disposto l’autopsia.