Discarica di Sciacca: sì al trattamento mobile per la riattivazione


L’attivazione della discarica di Sciacca. È stata la questione al centro della conferenza di servizi che si è svolta nella tarda mattinata di ieri a Palermo, negli uffici del Dipartimento Regionale per i Rifiuti. Presenti tutti i sindaci dell’ambito ottimale, il presidente e i tecnici di Sogeir, il presidente della Regione e il dirigente dello stesso Dipartimento.

discarica

I sindaci, al termine dell’incontro, hanno concordato questa nota congiunta.

“Si è dato finalmente mandato di attivare l’impianto di trattamento mobile con tritovagliatura – dichiarano i sindaci dell’ambito –. Nel giro di 24 ore, è stato deciso, sarà presentato il progetto per l’approvazione e l’acquisizione degli impianti in modo tale da consentire in poco tempo la riapertura della discarica di contrada Saraceno-Salinella. Vigileremo sul lavoro di Sogeir e della Srr affinché tutto proceda speditamente, senza più intoppi. Già lunedì prossimo è stata convocata un’assemblea Sogeir. Sarà l’occasione per una prima verifica”.

“Quella del trattamento mobile con tritotovagliatura – ricordano i sindaci – era una soluzione già prospettata nei primi giorni dell’emergenza rifiuti che ha colpito l’isola e anche i comuni agrigentini. Ipotesi prevista anche nella prima ordinanza del presidente della Regione Siciliana che è stata percorsa con risultati positivi in altre zone. Il noleggio dell’impianto ha infatti consentito di attivare in tempi brevi le discariche che ne erano sprovviste”.

“A margine della conferenza di servizi – rendono infine noto i sindaci – è stata contestata la sostituzione del commissario della Sogeir, evidenziando l’ottimo lavoro svolto dal dott. Giuseppe Dimino e l’inopportunità della scelta in un momento così delicato considerando che si deve ripartire da capo con i nuovi vertici. La Regione si è assunta la responsabilità della decisione. Come sindaci vigileremo affinché ciò non determini danni e disservizi”.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.