Favara. Svolta nell’omicidio dell’ex presidente del Consiglio Lupo: fermato l’ex suocero 66enne

Giuseppe Barba, ex suocero di Salvatore Lupo, ucciso a colpi di arma da fuoco, è stato fermato con l’accusa di omicidio


Il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio, ha firmato un provvedimento di indiziato di delitto a carico di Giuseppe Barba, 66 anni, di Favara, ritenuto responsabile dell’omicidio di Salvatore Lupo, di 45 anni, ex presidente del consiglio comunale di Favara, avvenuto il pomeriggio del 15 agosto scorso.

L’ex suocero è indiziato di delitto, è indagato per l’omicidio con l’aggravante “di aver commesso il fatto per motivi abietti e futili” e della premeditazione. Il 66enne è anche indagato anche per aver “portato in luogo pubblico, o aperto al pubblico, un’arma comune da sparo: una pistola calibro 38”, oltre che “illegalmente deteneva all’interno della propria abitazione, a Favara, la pistola, in data antecedente e prossima al 15 agosto”.

Ad eseguire il fermo di indiziato di delitto, sono stati i carabinieri della tenenza di Favara, insieme ai colleghi della compagnia di Agrigento, tutti coordinati dal capitano Marco La Rovere, che stanno stanno svolgendo le indagini. Le indagini dei militari, hanno permesso di accertare che Giuseppe Barba si trovava a bordo della sua autovettura sul luogo e nelle ore del delitto. Inoltre le tecniche investigative hanno evidenziato cospicue tracce di polvere da sparo sulla stessa autovettura.

Salvatore Lupo, venne ucciso con tre colpi di pistola, il 15 agosto all’interno del bar “Snack american bar” di via IV Novembre a Favara, dove si era recato per comprare delle vaschette di gelato. I tre colpi lo raggiunsero alla regione temporale sinistra, alla guancia destra e alla spalla destra. Secondo gli inquirenti, l’ex presidente del consiglio comunale, fu ucciso a causa di diverbi economici connessi alla separazione fra Lupo e la moglie. L’imprenditore quarantacinquenne è stato seguito all’interno dell’esercizio commerciale ed è stato freddato con tre colpi.

Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti

Lascia un commento