Mosca accusa: “Pfizer e Moderna coinvolte in attività biologiche militari USA in BioLab ucraini”

Secondo il comandante delle truppe di difesa NBC dell’esercito russo Igor Kirillov: “il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha ampliato il potenziale di ricerca sia nella creazione di armi biologiche, sia riguardo alle informazioni sulla resistenza agli antibiotici e presenza di anticorpi nella popolazione di determinate regioni; utilizzando strutture di società multinazionali come un banco di prova al di fuori del controllo della comunità internazionale” con anche il coinvolgimento delle due ditte produttrici dei vaccini Covid-19

“I produttori di vaccini COVID-19 Pfizer e Moderna sono stati coinvolti in attività militari e biologiche statunitensi in Ucraina”.  Ad affermarlo è stato ieri pomeriggio il capo della forza di difesa NBC russa (forza militare di contrasto alla minaccia radioattiva, chimica e biologica) Igor Kirillov.

Il comandante militare, in una conferenza al Ministero della Difesa russo riportato dalla Tass, ha accusato i leader del Partito Democratico USA di essere gli ideologi delle attività militari e biologiche statunitensi nei bio-laboratori in Ucraina.

Kirillov ha anche specificato che il governo statunitense ha finanziato direttamente la ricerca biologico-militare creando una base legislativa per usare fondi del bilancio federale americano attraverso“organizzazioni non governative controllate dai vertici del Partito Democratico” tra cui figurano fondazioni di beneficenza appartenenti ai “Clinton, Rockerfeller, George Soros e i Biden, attratte da garanzie statali”.

Inoltre, “grandi aziende farmaceutiche sono coinvolte in questo schema, tra cui Pfizer, Moderna, Merck e Gilead, una società affiliata al dipartimento militare statunitense”, ha affermato Kirillov.

Secondo il generale della forza di difesa NBC russa: “Specialisti statunitensi stanno lavorando in Ucraina alla sperimentazione di nuovi farmaci, aggirando gli standard di sicurezza internazionali. Di conseguenza, le aziende occidentali riducono seriamente i costi dei programmi di ricerca e ottengono significativi vantaggi competitivi”.

In base ai documenti sequestrati, il comandante delle Truppe NBC russe ha anche affermato che i profitti che i politici del PD USA fanno fare al settore biotecnologico privato statunitense rientrano nella logica in cui, le stesse ditte provvedono poi ad effettuare generose donazioni elettorali per garantire la rielezione e l’amicizia dei politici democratici coinvolti.

Inoltre, accusa ancora il generale: “Insieme alle aziende farmaceutiche statunitensi e agli appaltatori del Pentagono, le agenzie governative ucraine sono coinvolte in attività di biotecnologia militare, i cui compiti principali sono nascondere attività illegali, condurre sperimentazioni sia sul campo che cliniche e fornire il biomateriale necessario”.

Infine, secondo il generale della forza di difesa NBC russa: “il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha notevolmente ampliato il potenziale di ricerca non solo nel campo della creazione di armi biologiche, ma anche per ottenere informazioni sulla resistenza agli antibiotici e la presenza di anticorpi contro determinati malattie tra la popolazione di determinate regioni. In tal modo, ha utilizzato le strutture di società multinazionali come un banco di prova al di fuori del controllo della comunità internazionale”.

Lascia un commento