Presentato ad Agrigento al Cardinale Francesco Montenegro il ‘Movimento Giorgio La Pira per il Mediterraneo’

  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

L’appuntamento è alle ore 19.00 al Resort Village di Città del Mare di Terrasini,inserito nell’ambito di ‘Travelexpo – Borsa Globale dei Turismi’ che apre venerdì 6 aprile e vedrà, tra l’altro, la cerimonia di consegna del Golden Apple Award Fijet al Sindaco di Palermo Leoluca Orlando – Capitale della Cultura 2018

L’associazione sorta a Pozzallo il 9 gennaio 2017 (143° genetliaco del Professore) si è data forma giuridica in concomitanza con il 40° anno dalla morte del Professore, ponendo la sua sede in Messina. Senza fini di lucro – evidenzia Giuseppe Giordano, docente di letteratura italiana nei Licei, presidente pro-tempore e studioso di La Pira – l’associazione incentiva la conoscenza del pensiero e della testimonianza del Professor Giorgio La Pira – soprattutto tra le nuove generazioni – e a tal fine orienta la formazione dei singoli secondo quell’umanesimo cristiano proposto dalla dottrina della Chiesa, attuandola nella scuola e nell’azione sociale.

Il Movimento sottolinea la centralità della persona e della famiglia e delle aggregazioni naturali di base e pone l’accento sul valore umano di una Economia legata alla Natura, nel primato della carità, quella ‘economia di comunione’ segnalata dal Papa e fondata sul valore dell’aggregazione e della ‘Comunità’.

S. E. Mons. Francesco Montenegro, cardinale e arcivescovo metropolita di Agrigento ha accolto  i fondatori e soci del Movimento, che sono giunti da tutta la Sicilia. E’ nata una ‘nuova alleanza’ per lo sviluppo, una ‘nazionale’, come l’ha definita il Cardinale Montenegro, capace di vincere superando le fazioni, le appartenenze e i diversi colori delle magliette.

Presenti tra gli altri: il presidente pro-tempore  Nino Giordano, Francesca Cerami (direttrice Istituto della Dieta Mediterranea- Idimed),  Giacomo Glaviano (presidente della Fijet Italia – Federazione  internazionale Giornalisti e Scrittori di Turismo), Carmelo Nicoloso (Centro Internazionale Parchi -Sicilia), Giuseppe Zaffuto (Agronomo, Università di Palermo), Pasquale Scimeca  (direttore didattico del Centro sperimentale di cinematografia di Palermo), Linda Di Dio (produttrice cinematografica), Giuseppe Oliveri (Docente di diritto e di economia), Gaspare Bilardello (responsabile Dipartimento Regionale Pesca e Agricoltura di ‘Italia impresa Network International’), Biagio Cardia (pittore, studioso di Antonello da Messina), Vincenzo Randazzo (scrittore), Domenico Alaimo (componente del Direttivo di Slow Food Agrigento), Rosario Manganella (già sindaco di Favara), Sara Chianetta (soprano), Antonio Bevilacqua (Mediatore culturale socio-sanitario), Lorenzo Laudani (docente, studioso tradizioni popolari), Ciccio Impiccichè (imprenditore settore agricolo), Claudio Spoto (giornalista di TVA Agrigento).

E’ stata presentata la squadra che è scesa in campo e sono stati rappresentati i progetti che sono in via di realizzazione e quelli in corso di definizione, a livello regionale/nazionale ed europeo. Progetti agricoli, di sostegno abitativo, per le energie rinnovabili e sulle nuove tecnologie sostenibili. Progetti culturali, artistici, del cinema e dello spettacolo (film, musei, …). E soprattutto interventi per la valorizzazione dell’industria del sole: il turismo (borghi e castelli). Interventi strategici per far crescere la nostra amata terra di Sicilia, per abbattere i muri e per creare i ponti necessari a collegare tutti gli uomini e le donne di buona volontà.

di

Francesca Cerami


  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Incidente del sabato notte. Scontro scooter-auto: 2 giovani feriti, un 17enne in codice rosso Successivo Separazione fittizia tra coniugi per non pagare le tasse: Fiamme Gialle sequestrano 900mila euro