Niscemi (CL). Auto finisce in una scarpata, sbalzati fuori i 5 occupanti: muore un 22enne e grave un 20enne

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

Ancora un tragico incidente mortale dove a perdere la vita è un giovane di appena 22 anni

È accaduto poco prima della mezzanotte di ieri sera sulla strada provinciale 10 Niscemi – Gela. La vittima è Cristian Cannia, di 22 anni di Niscemi. Il giovane viaggiava come passeggero a bordo di una Mini Cooper con altri quattro amici, quando in un tratto rettilineo della strada, forse per un avvallamento, ma le cause sono in corso di accertamento, il conducente ha perso il controllo del mezzo, andando a finire dentro una scarpata.

Nel violento impatto, due dei cinque occupanti sono stati sbalzati fuori dall’abitacolo, mentre altri rimasti dentro, sono riusciti ad uscire dall’auto ed a dare l’allarme. I soccorritori del 118 con due ambulanze di Gela, una di Niscemi e una di Butera, giunti sul posto hanno trovato alcuni dei giovani a bordo strada, mentre gli altri erano ancora nella scarpata.

Agli uomini del 118, le condizioni di Cristian Cannia da subito, sono apparse gravissime. Il 22enne è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Gela, dove però è deceduto poco dopo l’arrivo. Un altro giovane, un ventenne, è stato trasferito in elisoccorso al Civico di Palermo a causa di un violento trauma addominale. Gli altri tre occupanti dell’auto, sono stati ricoverati all’ospedale “Vittorio Emanuele” di Gela.

Sul posto è arrivata anche la Polizia, che indaga sulla dinamica dell’incidente.

AGGIORNAMENTO

È stato arrestato S.I., 22 anni, che era alla guida della Mini Cooper, il giovane si trova attualmente ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Gela. L’accusa è di omicidio stradale, il giovane è risultato positivo agli esami tossicologici, così come gli altri 3 rimasti feriti.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Approvato il dl Sicurezza bis, esulta Salvini: “le Ong che violano i blocchi saranno confiscate e multate” Successivo Sciacca. Consiglio comunale da Monte a Mandracchia, tutti contro Caracappa: “Farà solo poesia”