Porto Empedocle: dalla nave scuola “Palinuro”, Marevivo lancia il suo appello a favore del Mediterraneo, messo sotto attacco dalla plastica e dall’erosione


Un tema, quello dell’erosione caro alla delegazione siciliana dell’associazione che da anni è impegnata per la tutela dei tratti di costa agrigentina sotto attacco a causa dell’erosione.

palinuro-nave

Tecnici, esperti e ambientalisti insieme ai sindaci del territorio di riferimento a studiare soluzioni e trovare aiuti per frenare il disastro ambientale.
I rischi che l’inarrestabile erosione in questi ultimi anni ha inghiottito sabbia, dune e boschi, preoccupano tantissimo i volontari di Marevivo, che delle spiagge agrigentine hanno fatto il luogo ideale per i loro laboratori a cielo aperto e le loro iniziative di sensibilizzazione.

Anche i tesori naturalistici racchiusi tra le dune e le fasce boschive sono scomparsi quasi del tutto; perfino la casetta dell’Oasi Marevivo, un mare d’agosto insolitamente minaccioso, l’anno scorso ha reso inagibile i suoi locali e i suoi laboratori ed ora la speranza di rimetterla in funzione è deposta nelle risorse rese disponibili dal progetto Open Beach del Dipartimento della Gioventù, che nell’ambito del PAC Giovani no-profit finanzierà la sua ricollocazione, restituendola alle migliaia di studenti e turisti che da vent’anni tornano a visitarla per scoprire gli aspetti più curiosi ed interessanti del mare e delle sue creature.

Si calcola che dagli anni ottanta ad oggi,  ono scomparsi otre 120 metri di battigia  per cause generali riferibili alle correnti marine e all’aumento delle temperature e per una serie di ragioni locali legate soprattutto alla cementificazione dei fiumi che non lascia più passare i detriti che servono ad alimentare la consistenza della spiaggia.

La Marina Militare alleata di Marevivo per la difesa della costa agrigentina e per contribuire ad arrestare la scomparsa della spiaggia, per la salvaguardia del paesaggio, delle attività turistiche e del tessuto urbano, il cui sostegno si aggiunge anche all’appello di Marevivo lanciato da alcuni mesi con la campagna Mare Mostro e la petizione per l’introduzione di una legge che sancisca il divieto di uso di microplastiche nei cosmetici
Al seminario, oltre ai sindaci presenti il C.F. Gabriele Belfiore, l’Ammiraglio Nicola De Felice, i professori Giovanni Randazzo e Salvatore Giacobbe dell’Università di Messina, Federico Di Penta e Fabio Galluzzo del direttivo Marevivo e l’Assessore Territorio e Ambiente Maurizio Croce.

E giù nella banchina Todaro, dal mattino alla sera, l’igloo di Marevivo con gli educatori ambientali del progetto Open Beach per accogliere i visitatori, grandi e piccini, e intrattenerli con i loro laboratori scientifici e creativi.


Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.