Proteste no green pass in tutta Europa: in 35mila a Bruxelles e 3^ notte di scontri in Olanda con arresti


Le Proteste contro il green pass dilagano in tutta Europa, a Bruxelles 35mila persone sono scese in strada ed è stata una domenica pomeriggio di guerriglia urbana. In Olanda per la terza notte consecutiva ci sono stati scontri tra manifestanti e polizia

Ieri in Europa è stata una domenica ad alta tensione, proteste e manifestazioni, alcune con violenti scontri, hanno infiammato tutto il vecchio continente. A Bruxelles oltre 35mila manifestanti sono scesi in piazza contro le nuove restrizioni anti-Covid, è stata guerriglia urbana. Il corteo, inizialmente pacifico, è degenerato, forse per l’intervento della polizia antisommossa, che nei pressi del quartiere Ue, ha usato cannoni ad acqua e lacrimogeni contro i manifestanti che al grido di “Insieme per la libertà”, hanno risposto lanciando oggetti. Alcuni di loro indossavano passamontagna e sventolavano bandiere nazionaliste fiamminghe.

I manifestanti hanno contestato in primis il divieto di accesso a luoghi come ristoranti e bar alle persone non vaccinate. Il governo Belga infatti, ha annunciato che mercoledì, sarà reso obbligatorio l’uso della mascherina e verrà istituito il telelavoro dove consentito, al fine di arginare la forte ripresa dell’epidemia nel Paese, dove nell’ultima settimana, si registrano quasi 10.300 nuovi contagi al giorno. Un tasso di diffusione del virus che in Belgio non si raggiungeva da un anno. Il Paese sta affrontando livelli di ospedalizzazione di pazienti Covid che non registrava da maggio (più di 2.000 pazienti, di cui oltre il 25% in terapia intensiva).

La situazione in Olanda non è molto diversa, per la terza notte consecutiva infatti le proteste contro il lockdown, sono andate avanti più veementi che mai e a Rotterdam la polizia – come si vede nel video sopra –  ha sparato sui manifestanti, causando alcuni feriti. Ci sono stati anche arresti.

Un portavoce della polizia olandese ha riferito che nella città settentrionale di Groningen, “Molti piccoli gruppi stanno distruggendo cose”, con gli agenti anti sommossa che sono intervenuti per ripristinare l’ordine. Secondo i media locali, si registrano disordini anche a Enschede, Leeuwarden e Tilburg.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti

Lascia un commento