Crea sito

Sciacca. Cartelli divieto ingresso cani, Monte: “il sindaco chiarisca se gli uffici comunali sono coinvolti”

Sulla triste questione dei cartelli che vietavano l’ingresso ai cani alla Villa Comunale e al parco del Museo del Carnevale, interviene l’ex consigliere comunale Salvatore Monte che chiede al sindaco di “chiarire in tempi record” l’accaduto


Salvatore Monte pone una domanda che quasi tutti i cittadini si sono posti: chi aveva la possibilità materiale di montare quei cartelli? Che possa essere stato un dipendente comunale, è uno dei dubbi più gettonati e in considerazione delle farraginose documentazioni a cui la macchina pubblica deve sottostare, scoprirlo non dovrebbe essere difficile. Inoltre pare che all’esterno del Museo del Carnevale dovrebbero esserci delle telecamere che se attive, potrebbero dare un volto all’autore della “genialata”.

Di seguito la nota stampa di Salvatore Monte

I cartelli apparsi nella giornata di ieri sui rispettivi cancelli di ingresso della Villa Comunale “I. Scaturro” e del Museo del Carnevale di Sciacca erano chiari: “i nostri amici a quattro zampe non possono entrare”. La notizia, balzata sui social in tempi record, ha creato notevole stupore. Volendo sorvolare, volutamente, qualsivoglia considerazione di carattere politico, credo sia assolutamente inderogabile una spiegazione chiara, netta ed esaustiva da parte di chi oggi amministra la città. Da chi è stato apposto il cartello? È stato posto a seguito di una regolare ordinanza pubblicata all’albo pretorio? I rispettivi assessori al verde pubblico ed al patrimonio, Lo Cicero e Venezia, erano a conoscenza di questa iniziativa? Credo sia assolutamente opportuno chiarire, sul nascere, questa tristissima vicenda che va stoppata e chiarita in tempi record. L’indagine interna è d’obbligo. Se l’apposizione è stata “clandestina” possiamo affermare che siamo davvero una città “fuori controllo”.

Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti

Lascia un commento