Crea sito

Sciacca, Contrada Isabella. Bono e Milioti: “Strade piene di buche, sterpaglie e segnaletica carente”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I due consiglieri di opposizione segnalano tutti i disagi del popoloso quartiere di contrada Isabella chiedendo perché il Comune tardi ancora ad intervenire

“La contrada isabella è uno dei quartieri più popolosi della città e che quindi necessiterebbe di particolari attenzioni da parte della Amministrazione Comunale”. Dicono oggi Calogero Bono e Giuseppe Milioti.

“E’ ormai a pieno regime il Piano ARO con tutti i servizi connessi compresa la scerbatura, eppure in contrada Isabella i cittadini lamentano che vi sono diverse zone in cui le sterpaglie la fanno da padrone, soprattutto si lamenta la presenza di sterpaglie nei pressi delle vie che si immettono in via Aldo Moro diminuendo la visuale e costituendo quindi anche pericolo per la incolumità pubblica”.

Ma non solo, le lamentele riguardano anche il carente stato di manutenzione delle strade della zona, praticamente un percorso da rally tra buche ed avallamenti, inoltre anche la segnaletica orizzontale è carente, non registrandosi interventi da diverso tempo.

I consiglieri di opposizione chiedeno quindi all’amministrazione il motivo per il quale non si sta intervenendo con la scerbatura in contrada Isabella; se sono previsti interventi di manutenzione straordinarie nelle strade e se e quando è previsto il rifacimento della segnaletica orizzontale in zona.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pubblicato da Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.