Un prete “esorcista” e un colonello arrestati per violenze sessuali, anche su minorenni: “scacciavano il diavolo dalla vagina”.


Sembra la sceneggiatura di un film porno di infima qualità ed invece è ciò che è successo veramente a Palermo.

 

Lo scenario è quello mistico dei credenti a possessioni e malocchi, che per risolvere i loro presunti problemi si affidano se non a maghi e fattucchieri, alla chiesa.

Salvatore Anello, sacerdote dell’ordine dei Cappuccini, e Salvatore Muratore, ufficiale dell’esercito, sono stati arrestati (VIDEO), con l’accusa di Violenze sessuali, anche nei confronti di minorenni, con la scusa di dover “scacciare il diavolo”.

I due si sono resi protagonisti di “esorcismi a luci rosse”. Il primo, un frate del Convento dei cappuccini di Palermo e l’altro un colonnello dell’Esercito, che è stato immediatamente sospeso dal servizio. Le vittime, donne in difficoltà , con problemi psicologici e finanziari, sarebbero state circuite, abusate e violentate.

Come sempre avviene in questi casi il prete esorcista, si affida alle “preghiere di liberazione”o di “guarigione” per le quali è necessario  “l’olio benedetto”. Pratiche e strumenti che hanno radici antiche, con le quali fanno presa sulla fragilità delle vittime, utilizzando le loro paure o le loro patologie per abbattere ogni inibizione, per convincerle subdolamente che quelli potessero essere gli unici rimedi per curarle dal “demoni o dal “malocchio”.

Una delle donne coinvolte racconta di come avvenivano questi riti: “Il rito iniziava con un forte abbraccio e lui mi diceva “prendi energia” e che stavo ricevendo, lo Spirito Santo”. L’energia di cui si parla, veniva presa tramite il “sesso orale”. Poi la donna continua: “Io mi sentivo subito svuotata, stanca e stordita, e non capivo la reale portata dei miei gesti e dei miei pensieri”.

Omettiamo di continuare il resto del racconto, perché degno di scene da film hard e non aggiungerebbe altro a quanto già abbastanza chiaro ed esaustivo.

E’ questo il quadro sconcertante che emerge dall’indagine condotta dagli agenti della sezione di polizia giudiziaria del Tribunale dei Minorenni e che ha portato in carcere il prete, Salvatore Anello, e l’ufficiale, Salvatore Muratore. Nel video i due arresti.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti