VIDEO-Assaltato furgone di sigarette con fucili a pompa: 260 mila euro il bottino


I rapinatori hanno preso in ostaggio per qualche minuto le guardie giurate tentando di impossessarsi di un furgone Iveco, ma la polizia allertata si è lanciata all’inseguimento dei banditi, recuperando lungo la strada alcune armi.

É successo stamattina a Palermo in piazza Ingastone, assaltato un furgone utilizzato per il trasporto di sigarette.

Intorno alle 9 un commando, composto da 6 persone armate fino ai denti, con fucili a pompa e pistole, ha tentato di rapinare un furgone Iveco bianco nei pressi di piazza Ingastone prendendo in ostaggio i metronotte. Scattato l’allarme, diverse volanti di polizia – con l’ausilio di un elicottero – si sono messe alla caccia dei malviventi in tutta la zona, riuscendo a catturarne due:  Giuseppe Rizzuto, 30 anni, e Angelo Oliveri di 27. (FOTO)

arrestati

Un colpo di quelli in grande stile, pianificato nei dettagli, ma qualcosa non ha funzionato. Il commando è entrato in azione nel cuore della Zisa. I malviventi – che viaggiavano a bordo di scooter e di un furgone – hanno bloccato il mezzo con dentro il carico di sigarette in piazza Ingastone, costringendo le due guardie giurate della Sicurgem – che seguivano il mezzo a bordo di una Fiat 600 nera – a scendere dall’auto e a salire sul loro furgone. I due sono stati picchiati e nel trambusto avrebbero perso la radio in dotazione.

Quindi il commando – dopo aver trasferito il bottino che ammonta a 260 mila euro da un furgone all’altro – si è rimesso in viaggio. Un componente della banda alla guida del mezzo rapinato, due con il furgone carico di sigarette e i due metronotte “rapiti”. Ma quest’ultimo è stato intercettato dalla polizia in corso Alberto Amedeo. Ne è nato un inseguimento – durante il quale i banditi hanno abbandonato due fucili e una pistola – terminato in via Gaetano Mosca.

Qui sono stati bloccati e arrestati dalla sezione investigativa del commissariato Zisa-Borgo Nuovo. Per un metronotte, rimasto ferito da un colpo ricevuto col calcio della pistola, è stato richiesto l’intervento di un’ambulanza.

Altre volanti, allertate dalla sala operativa, si sono lanciate all’inseguimento dei quattro fuggitivi. Che però sono riusciti a far perdere le loro tracce. Una pistola con matricola abrasa è stata trovata accanto ai cassonetti dell’immondizia sempre in via Mosca. Mentre l’auto dei due metronotte è stata ritrovata in via D’Ossuna.

Al lavoro anche gli uomini della scientifica. In corso le indagini per risalire agli altri complici.


Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti