Castelvetrano. Scoperte talpe Messina Denaro: arrestati 2 carabinieri e l’ex sindaco Vaccarino

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Svolta nelle indagini sui fiancheggiatori di Matteo Messina Denaro, i carabinieri hanno arrestato due investigatori e l’ex Sindaco di Castelvetrano, Antonino Vaccarino. Per loro l’accusa è di aver passato informazioni riservate sul super latitante tramite un altro mafioso

In manette sono finiti due investigatori dell’Arma, il tenente colonnello Marco Zappalà, carabiniere in servizio alla Direzione investigativa antimafia di Caltanissetta, e Giuseppe Barcellona, un appuntato in forza alla Compagnia di Castelvetrano. Per i due l’accusa è di favoreggiamento alla mafia e accesso abusivo al sistema informatico.

Nella stessa indagine è stato arrestato anche l’ex sindaco di Castelvetrano, Antonio Vaccarino, già condannato per traffico di droga e poi diventato un confidente dei servizi segreti. L‘accusato nei suoi confronti è di aver fatto da tramite e passato a un boss la trascrizione di un’intercettazione.

Le accuse per i tre sono pesanti: “rivelazione di notizie riservate, favoreggiamento e accesso abusivo a un sistema informatico” e per Giuseppe Barcellona, di avere svelato una intercettazione in tempo reale.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Ribera. Due immigrati prendono a sassate Ambulanza 118, operatori e medico poi fuggono Successivo Sciacca. Sviolinata di Di Paola pro-Valenti, le opposizioni: "Agisca e vada al posto di Tulone"