Crea sito

Sciacca. Parco Terme gestione Valenti “nel degrado”: punta dell’iceberg di incapacità e incompetenza – FOTO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Powered by Rock Convert

“Vergogna, vergogna, vergogna, vergogna, vergogna!!!!!”. Esordisce così Antonino Porrello in un post pubblicato sul suo profilo facebook, corredato da esaustive foto sull’attuale situazione del parco delle Terme

Il parco delle terme è stato riconsegnato alla città Sciacca nel mese di maggio scorso e poi aperto per pochi giorni in agosto. A gestirlo adesso è l’amministrazione comunale, che con annunci del tipo “vi stupiremo con effetti speciali”, vera specialità del duo “Francesca Valenti – SiniBilbao Caracappa”, al momento della sofferta riconsegna, aveva promesso di restituirlo alla fruizione dei cittadini in tutto il suo “antico” splendore.

Ma i fatti – odierni – come raccontano le foto di Antonino Porrello , testimoniano una realtà ben diversa e a tratti allucinante: un parco in cui i vandali hanno trovato sede e ispirazione per sfogare i loro bassi istinti.

“Il parco termale di Sciacca, – scrive Porrello nel suo post – riconsegnato alla città con quella farsa di finta riapertura alla quale intervenne il Presidente della Regione, non solo continua a rimanere chiuso ma versa in uno stato di completo abbandono. E viene da chiedersi: ma noi sciacchitani un’anima civica ce l’abbiamo? Esiste un limite oltre il quale riusciremo mai ad indignarci? Perché questa volta siamo proprio noi causa e responsabili della situazione”.

“Il Parco Termale, con le annesse piscine, – continua Porrello – è stato infatti riconsegnato dalla Regione al Comune di Sciacca nello scorso mese di maggio e in data 21 maggio il Sindaco lo ha assunto in consegna impegnando il Comune a svolgere tutte le attività di manutenzione ordinaria necessarie per l’apertura del Parco stesso.

A questo apprezzabilissima intenzione non ha però fatto seguito la necessaria azione amministrativa, a quanto dato sapere per il disaccordo tra i dirigenti di tre uffici comunali su chi dovesse assumersi le conseguenti incombenze di gestione. L’intera vicenda e le foto parlano da sole. Ma noi sciacchitani, prima o poi, riusciremo a tirar fuori gli attributi e a voler davvero cambiare le cose?”.

Un post duro, ma in cui traspare la rabbia di Porrello a nome di tutti i saccensi e che stigmatizza, ancora una volta se ce ne fosse bisogno, il “fallimento” – come scritto dal vandalo in foto – e l’incapacità di gestire qualunque cosa da parte della giunta Valenti. Chiedere ancora una volta di dimettersi? Inutile la Valenti è sorda.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Redazione

Pubblicato da Redazione

Redazione di Fatti&Avvenimenti